Scoperta la prima mummia incinta della storia

01.05.2021

La prima mummia incinta della storia si trova al museo di Varsavia dal 1826 e nessuno lo sapeva. Fino a poco tempo fa, si credeva infatti che all interno del sarcofago rinvenuto nelle tombe reali di Tebe, risalente al I secolo a.C., ci fossero i resti di un sacerdote maschio adulto. Recentissimi studi condotti dagli scienziati dell'Accademia polacca delle scienze, che hanno poi pubblicato un articolo sul Journal of Archaeological Science descrivendo la scoperta, avvenuta nell'ambito del Warsaw Mummy Project, hanno dimostrato invece che si tratta del corpo di una donna in stato di gravidanza.

Più precisamente, grazie a scansioni TC e raggi X, gli scienziati hanno scoperto che la giovane donna, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, si trovava alla 28esima settimana.

Il corpo, probabilmente appartenente ad una personalità importante della città, era stato avvolto accuratamente in tessuti pregiati e accanto vi erano stati posti amuleti e strumenti.

L'unicità di questa scoperta è dovuta al fatto che il feto sia stato mummificato insieme al corpo della madre. Generalmente infatti i due cadaveri venivano separati per garantire ad entrambi di poter intraprendere il percorso per l'aldilà. Secondo gli scienziati, una spiegazione valida potrebbe essere che il feto non fosse sufficientemente grande per essere separato dalla madre. "Questa mummia offre nuove possibilità per gli studi sulla gravidanza nei tempi antichi - afferma lo scienziato Wojciech Ejsmond- che possono essere confrontati e correlati ai casi attuali. Questo esemplare getta luce su un aspetto non studiato delle antiche usanze funerarie egiziane e delle interpretazioni della gravidanza nel contesto dell'antica religione egizia".

di F.C.